Spello

L'altra città dei fiori

Spello è accomunata ad Assisi dal monte Subasio e dalla pietra rosa; e dagli olivi che caratterizzano i dolci pendii. Pianta antica, importata, trova in Umbria l’habitat favorevole e ne diventa un simbolo. Un olivo cresce su un’antica torre medievale, a fianco una porta di epoca romana. Questa simbiosi caratterizza molti spazi urbani, ma l’opera più significativa è nel museo appositamente allestito per i mosaici del II-III secolo d. C. appartenenti ad una villa romana.

Oltre il rosa della pietra, affreschi e fiori arricchiscono la tavolozza: la Cappella Bella vi avvolge con un capolavoro del Pinturicchio dove i colori preziosi e la passione per i dettagli affascinano chiunque. Nella bella stagione i fiori sono in ogni vicolo: scalette, finestre e sostegni creano scenografiche cascate di colori, ma il clou è per il Corpus Domini: tappeti fioriti da realizzare in una notte, ma preparati, petalo per petalo, e sognati le settimane precedenti grazie a tanta passione e attaccamento alle radici.